Terapie fisiche

massoterapia

La fisiokinesiterapia e riabilitazione si suddivide in:

  • Elettrostimolazioni
  • Tens
  • Ionoforesi
  • Ultrasuoni
  • Laser
  • Magnetoterapia
  • Tecar

 

Terapie manuali

Terapia Manuale
  • Massaggio terapeutico
  • Mobilizzazioni articolari
  • Mobilizzazioni neurali
  • Linfodrenaggio
  • Massaggio Zonale Piedi
  • TapingNeuroMuscolare

KINESITERAPIA
Programmi di attività motoria personalizzati, per il recupero delle disfunzioni dell'apparato neuro-muscolo-scheletrico.

RIABILITAZIONE

  • Rieducazione funzionale pre-post operatoria.
  • Recupero in esiti di traumi accidentali e sportivi.

 

TERAPIE MANUALI

LINFODRENAGGIO: Il linfodrenaggio manuale e' una particolare tecnica di massaggio che permette il drenaggio linfatico dai tessuti. La tecnica con cui si esprime il linfodrenaggio manuale e' costituita da una precisa manualita' applicata sul corpo del paziente. Questa tecnica di massaggio utilizza una pressione molto leggera sulla pelle, quella che basta per spostare la pelle nelle due direzioni trasversale e longitudinale. L’effetto del linfodrenaggio manuale consiste in gran parte in una eliminazione meccanica dal tessuto dei liquidi e degli elementi in essi esistenti; la tecnica del massaggio, per essere efficace, deve essere eseguita correttamente rispettando sia la direzione di flusso della linfa verso le stazioni linfonodali che la pressione nelle diverse manovre.  Il linfodrenaggio manuale si differenzia dal massaggio classico soprattutto per la pressione piu' lieve che viene applicata sul tessuto da trattare. Nell’applicazione di questo tipo di massaggio e' importante rispettare alcuni principi: 1) la zona prossimale della cute viene trattata e svuotata prima di quella distale per far posto ai liquidi della parte distale che fluiranno successivamente; 2) non si deve formare alcun arrossamento sulla pelle trattata; 3) il massaggio non deve provocare dolore. I tempi di trattamento sono variabili, dipendono da diversi fattori. Il linfodrenaggio manuale viene utilizzato principalmente per ottenere un effetto di riassorbimento degli edemi, soprattutto degli arti, formatosi, per esempio, in seguito a traumi o ad asportazione dei linfonodi. Il linfodrenaggio manuale e' controindicato in maniera assoluta nei tumori maligni, nelle infiammazioni acute, nelle trombosi recenti, nell’edema cardiaco; e' controindicato in maniera relativa nell’ipotensione, nell’ipertiroidismo, nel ciclo mestruale, nelle cardiopatie non edemigene, nell’asma.
Nei tumori trattati dal punto di vista chirurgico, chemioterapico o radioterapico c’e' una controindicazione relativa, in questi casi il linfodrenaggio va praticato esclusivamente su richiesta del medico specialista.


TERAPIE FISICHE

TERAPIA: IONOFORESI E' una terapia che permette di veicolare attraverso la cute, ioni attivi di un composto farmacologico (consigliato dal medico) disciolto in soluzione acquosa; come tale la corretta preparazione e la giusta scelta del farmaco da utilizzare sono di fondamentale importanza per l'efficacia terapeutica.

INDICAZIONI TERAPEUTICHE:

  • Alterazioni circolatorie periferiche
  • artrosi
  • artriti
  • borsiti ed affezioni post-traumatiche
  • tendiniti
  • generali infiammazioni superficiali

Le indicazioni sono ovviamente legate anche al tipo di composto farmacologico utilizzato per il trattamento.

DURATA DELLA TERAPIA: La durata di ogni applicazione varia intorno ai 20 minuti. Dopo alcune sedute si consiglia di verificare la presenza di eventuali reazioni cutanee determinate da intolleranza al composto farmacologico usato per la terapia o dalla corrente.

MODALITA' DI APPLICAZIONE: Il principio attivo del farmaco deve essere diluito in acqua distillata; la soluzione ottenuta deve poi essere uniformemente distribuita su spugnette riutilizzabili.

PRECAUZIONI: - si consiglia di non superare cicli di 8-10 sedute. E' opportuno detergere adeguatamente la cute ed eseguire, se necessario, una tricotomia poiché gli ioni del composto farmacologico vengono veicolati all'interno dei tessuti  attraverso i dotti piliferi e le ghiandole sudoripare.

CONTROINDICAZIONI:

  • dermatiti, abrasioni, ferite
  • cardiopatie gravi, pace maker, gravidanza
  • presenza di metallo o mezzi di sintesi in prossimità della zona da trattare
Share by: